Sono “bambini-impermeabile” o “insegnati-impermeabile”?

16 Apr di Gianni Marconato

Sono “bambini-impermeabile” o “insegnati-impermeabile”?

Impermeabile 2

Scorrendo di prima mattina la “rassegna stampa”, mi imbatto in un post di una stimata collega che nel ruolo di mamma dice, “giù di morale”:

Uscita dal cdc della classe di mio figlio, dove sono rappresentante… Davvero i ragazzi di oggi possono essere così??

Poco dopo precisa

Apatici, demotivati, refrattari, … ignavi?? Sembra siano tutti nella classe di mio figlio!!! Sono davvero giù!!! …. Esclusi tre-quattro, tra cui per fortuna nostro figlio, nessuna stimolazione o provocazione riesce a ottenere alcuna reazione

Nulla di strano: è esperienza quotidiana trovare in classe ragazzi che “non seguono”, che “non ascoltano più di 10 minuti” o che “non si impegnano”, che, nella migliore delle ipotesi “stanno in superficie”. Visto quello che imparano, vien proprio da dire che ci troviamo di fronte a studenti dalla “mente carsica” (sentita anche questa): butti dentro tante cose e tutto si perde nei buchi profondi delle testoline contemporanee!

Interessante il “dibattito” di alto livello che segue. Un esempio

La peggio classe” Quasi quasi ci faccio un film.
É dalla prima elementare di mio figlio …. che mi dicono le stesse cose, sempre quelle, sempre uguali. 
Bambini impermeabili sono diventati ragazzo impermeabili.
Nessuna autocritica da parte di docenti che, siamo onesti, provate voi a farci sei ore di fila… I giovani sono cambiati, hanno i tempi di concentrazione di uno spot pubblicitario, mentre i prof ancora al proooo-dot-to-bia-let-tiiiiii stanno!!!
Poi, vabbė, possiamo pure parlare dei nostri di prima liceo che sono ancora da scolarizzare, che quando andavano alle elementari sembravano all’asilo, alle medie sembravano alle elementari, oggi alle medie… Bah!

Tutto chiaro, la colpa è dei bambini -impermeabile: puoi buttare loro addosso secchiate di conoscenza e loro, con il loro bel impermeabile cognitivo, non fanno passare nulla! Un impermeabile che il ragazzo si porta dietro nella crescita tanto che diventa ragazzo-impermeabile.

Basta poco e l’etichetta è bel che appiccicata: la colpa sarà sempre e solo dei “nuovi” studenti che non sono fatti per la scuola. Mica colpa della scuola, mica colpa degli insegnati!

Mi domando: cosa vorrebbero questi insegnanti? Che gli studenti arrivassero a scuola ” allievi spugna”? Tutti belli e pronti ad assorbire estasiati il sapere degli insegnanti?

Se questi studenti sono davvero diversi da quelli del passato (e lo sono di certo), non sarebbe il caso che gli insegnanti si dessero da fare ed escogitassero qualcosa per essere utili anche a questi impermeabili!

O sono capaci di insegnare solo a chi vuol imparare? Troppo comodo!

Se questi insegnanti hanno un mestiere, questa è l’occasione per tirarlo fuori, diversamente cambino mestiere. A scuola non servono insegnanti impermeabili.

10 people like this post.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.