Da dove viene l’innovazione. Picasso, per esempio ….

4 Mar di Gianni Marconato

Da dove viene l’innovazione. Picasso, per esempio ….

A quattro anni dipingevo come Raffaello, poi ho impiegato una vita per imparare a dipingere come un bambino. Pablo Picasso

Mi sono più volte domandato da dove venga la vera innovazione, se sia una cosa che scaturisce all’improvviso, per un colpo di genio o se non sia un progressivo spostamento dalla tradizione. Se l’innovazione abbia le proprie basi in qualcosa di precedente, se la tradizione, il consolidato fornisca la spinta per il cambiamento e da questa riceva continuo nutrimento (ovviamente pensavo alle didattiche così dette innovative).

Mi sento di fare questa affermazione: ogni vera innovazione (didattica) ha le sue basi nella tradizione (didattica). Consegue che per poter insegnare in modo “innovativo” è necessario saper, prima, insegnare in modo “tradizionale”.

Chi non possiede solide basi nei fondamenti dell’insegnamento (padronanza delle discipline, lezione frontale) non farà didattica innovativa ma solo didattica casuale. Si imploderà nel caos più totale, nel disordine epistemologico, nella irrintracciabilità degli apprendimenti realizzati.

L’arte moderna e contemporanea mi è sempre piaciuta, per essere evocativa più che descrittiva, per offrire la possibilità di letture multiple, per il suo portato di liberà. Lo stesso dicasi per la musica: adoro Brian Eno, Philp Gass (memorabile Einstain on the beach che con l’ossessiva ripetizione delle stesse note ti porta a perderti nei tuoi pensieri e nelle tue emozioni ),Michel Nyman, Terry Riley, Erik Satie …..

Pablo Picasso, ad esempio, ho iniziato a conoscerlo per le opere dell’ultimo periodo, quelle del cubismo, per intenderci. Poi, una volta, mi sono domandato: ma Picasso ha sempre dipinto così? Ha rotto con la tradizione da sempre? … e mi sono documentato…….

Il Picador”, del 1890, a 9 anni
Prima comunione 1896
La Scienza e la Carità, del 1897
Poveri in riva al mare, Picasso, 1903
Le due donne che corrono sulla spiaggia 1922
Ritratto di Marie-Thérèse, 1937
Donna che piange, 1937
Claude et Paloma 1951

 IL PITTORE E LA MODELLA, 1963

Be the first to like.
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.