Insegnare è aiutare le persone a emanciparsi o a favorirne l’ubbidienza?

11 Ott di Gianni Marconato

Insegnare è aiutare le persone a emanciparsi o a favorirne l’ubbidienza?

conformità

Come tutti, ho anch’io dei pensieri che vanno e ritornano per andarsene nuovamente e riproporsi con una certa regolarità. Uno di questi riguarda il cosa serve veramente la scuola.

Spesso insegnare è come fare un mestiere qualunque.

Al panettiere viene chiesto di impastare acqua e farina e di produrre pane; all’insegnante viene chiesto di impastate contenuti e verifiche per produrre il cittadino e il lavoratore di domani.
Ognuno è pagato per mettere a disposizione di un utilizzatore un prodotto, il prodotto che a quel consumatore finale serve.
Alle persone serve il pane per nutrirsi e continuare a vivere, alla società, all’economia, alla politica, per potersi perpetuare inalterata, serve una persona che ne ha introiettato i valori e che possiede le  conoscenze necessarie.
L’insegnante è, quindi, pagato per mantenere i meccanismi di potere.
Chi comanda paga e chi vuol essere pagato deve fornire il prodotto che a questo serve.
La conformità di quanto la scuola e gli insegnanti producono a quanto necessario è assicurata da prescrizioni (i programmi, le “indicazioni”) e valutazioni (PISA, INVALSI).
Chi non è conforme viene allontanato, chi è conforme viene premiato.  Il grado di conformità viene chiamato”merito”.
Il meccanismo che sta soffocando la  scuola è lo stesso che la scuola contribuisce a mantenere in vita.

Elementare, Watson?

P.S. I “meccanismi” di cui parlo non sono italiani e neppure europei, sono globali. E hanno nome e cognome.

6 people like this post.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.