brainwashing
La questione è se la scuola aiuti le persone a realizzare le proprie risorse e aspirazioni oppure sia finalizzata ad asservirle a disegni di altri. Ovvero, la scuola tra omologazione e liberazione.
“I want a nation of workers, not thinkers.” – John D Rockefeller 
La questione non è abolire la scuola come istituzione totale (a favore, ad esempio dell’home schooling, come nel contributo citato) ma come non fare della scuola un luogo dove il brainwashing è istituzionalizzato e assunto, implicitamente ma con determinazione, a valore.
Senza citare le numerose persone che hanno avuto successo professionale pur avendo fallito a scuola, sono numerose le testimonianze dei danni della scuola nella vita delle persone:
  • danni perché spegne la naturale voglia di imparare;
  • danni perché costruisce poco per il tempo che vi si dedica;
  • danni perché uccide l’autostima di chi non si sente in sintonia con le sue regole e i suoi criteri di successo;
  • danni perché invece di liberare le menti le soggioga alla cultura dominante.
Anni fa, agli albori dell’attenzione in didattica al costruttivismo, circolava lo slogan: “Learning without teaching” a sottolineare come le persone possano imparare anche senza avere qualcuno che “insegna”. Ben presto a questo si affiancò un altro slogan che rivela un’altra verità: “Learning despite teaching“, imparare nonostante ci siano persone che insegnano!
In effetti tutti i dispositivi che supportano l’apprendimento artificiale, quello che vediamo a scuola, interferiscono negativamente con l’apprendimento naturale.
Il fatto è che la scuola non si interroga mai sui propri presupposti, sui propri fini, sulle proprie pratiche.  Tutto è implicito, nulla è in discussione, non esiste la possibilità di scelta tra opzioni anche antitetiche. Quello che si fa è naturale, non può essere fatto che così. Un conformismo che prende tutti perchè una qualche utilità viene tratta sul piano personale.

http://themindunleashed.org/2013/08/high-school-valedictorian-speaks-out.html

Post collegati alla tematica

Perchè l’insegnamento è una pratica sovversiva? Ovvero, la libertà dell’insegnante http://www.giannimarconato.it/2015/03/perche-linsegnamento-e-una-pratica-sovversiva-ovvero-la-liberta-dellinsegnante/

Si può contrastare la mutazione genetica della scuola?

 

 

 

1 person likes this post.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.