Un post veloce veloce per un piccolo regalo di Natale, la condivisione di una parte di un lavoro che sto facendo con alcune scuole sulla “nuova” (non è tale per tutti gli insegnanti) valutazione nella primaria e, precisamente, su un adempimento al quale tutte le scuole sono chiamate: la revisione della sezione “valutazione” del PTOF per adeguarla al Decreto 172/2020.

Uno degli elementi da inserire in quel documento ufficiale entro il 25 gennaio (cioè ieri 🙂 ) è dato dai “criteri” che si intendono usare per le successive valutazioni e per la formulazione dei giudizi descrittivi.

Le linee guida fanno una proposta, a mio avviso poco adatta alla valutazione delle discipline (non a caso quei criteri sono estratti dalla certificazione delle competenze):

Questi criteri non consentono di cogliere le specificità delle “materie” e rappresentano una gabbia troppo rigida anche per cogliere la specificità di una materia: non tutte le materia sono strutturalmente uguali e ognuna ha i propri criteri di qualità.

Ho, quindi, elaborato una mia proposta che deriva da un set di 8 criteri che uso quando lavoro sulle competenze, 8 continuum di opportunità di sviluppo dell’apprendimento:

Prendendo in considerazione questi 8 continuum e i quattro delle linee guida, propongo questi 7 criteri:

  1. Padronanza dei contenuti della disciplina (saperi, abilità nella loro quantità e qualità)
  2. Tipologia di compiti eseguibili con le conoscenze e le abilità acquisite (semplici – complessi)
  3. Uso dei saperi della disciplina (riproduttivi – produttivi/generativi)
  4. Autonomia nello svolgimento del compito assegnato (con supporto – indipendentemente; azione meccanica – responsabile))
  5. Tipologia di situazioni/compiti in cui riesce ad operare con efficacia (note – nuove)
  6. Soluzione di problemi all’interno della disciplina (strutturati – aperti)
  7. Tipologia dell’azione all’interno della disciplina (meccanica – consapevole)

Questi sette criteri andrebbero inseriti nel PTOF indicando che poi per ogni materia se ne selezioneranno 4 o 5, quelli che possono aiutare ad esprimere meglio la valutazione per la materia stessa.

Per ogni criterio ho sviluppato una semplice rubrc per dettagliare i suo contenuto e il livello, ma per ora mi fermo qui … con i miei migliori auguri di buone vacanze!

Be the first to like.
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.