È evidente che il cosiddetto “docente esperto” non ha nulla a che vedere con la competenza professionale dei docenti ma è un escamotage per conseguire altre finalità senza renderle esplicite, come, dal resto, è sempre avvenuto in questi ultimi anni con i provvedimenti di varia natura e contenuto che, al di là della questione specifica, mirano tutti a cambiare radicalmente il sistema nazionale d’istruzione nei suoi contenuti, forma e finalità.

Questo specifico provvedimento mette in evidenza:

  • L’ulteriore riduzione degli spazi di libertà di insegnamento prescrivendo percorsi formativi i cui contenuti e modalità didattiche sono determinati istituzionale
  • Il controllo, tramite valutazione, dell’azione dell’insegnante
  • La premalità dell’adesione all’ideologia dominante
  • La cultura competitiva che deve permeare la scuola
  • La gerarchizzazione dell’organizzazione della scuola lungo la catena del comando
  • La costruzione di una figura di docente come omologatore delle coscienze degli studenti

La libertà dell’insegnante come condizione essenziale per educare gli studenti alla libertà non è contemplata, anzi, è esplicitamente osteggiata.

Lo scopo dichiarato di questa operazione è di costruire una scuola più moderna. Ma cosa vuol dire “scuola più moderna”?

Considerati i “contenuti” che stanno caratterizzando la scuola contemporanea, la cosiddetta scuola moderna può essere così declinata:

  • La scuola deve essere funzionale allo sviluppo economico (e non allo sviluppo della persona)
  • La scuola “per tutti” è la scuola delle masse (alle masse non serve tanta cultura e non serve tanta conoscenza)
  • La scuola delle masse crea le condizioni per l’istituzione di una parallela scuola delle élite
  • La scuola deve abituare le persone ad essere flessibili, “resilienti”, capaci di adattarsi rapidamente alle esigenze dell’economia
  • La scuola non deve puntare all’autonomia cognitiva della persona, allo sviluppo cognitivo, al pensiero critico, profondo, complesso e plurale
  • La scuola deve essere semplice, facile, veloce, divertente
  • La scuola deve essere professionalizzante e deve esserlo fin dai primi anni
  • La scuola del futuro è la scuola che assicura la continuazione del presente, una scuola incapace di immaginare un futuro differente dal presente.

Per una disamina tecnica della questione del docente esperto segnalo e rimando al post Facebook di Simonetta Fasoli

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=pfbid0vSV76YmrkVMyt3UKNcuuoqxkYmaSV6w8FR2KJmbLbDGgNuMtAGwhZkqyfoy4j9jel&id=1755595299

1 person likes this post.
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.