La scuola è per gli studenti o per gli insegnanti?

12 Gen di Gianni Marconato

La scuola è per gli studenti o per gli insegnanti?

Ero alle prese con il problema del terzo cambiamento dell’insegnante di matematica di mio figlio (2^ liceo scientifico), il secondo nel corso di 10 giorni e non l’unico di quest’anno, quando leggo sui quotidiani i dati forniti dal Ministero della Pubblica Istruzione sui movimenti degli insegnanti nel corso dell’anno: 4 su 10 vengono trasferiti; uno studente su 3 è costretto a cambiare insegnanti.
Sulle 770.000 cattedre della scuola italiana, il 90% è coperto da insegnanti assunti a tempo indeterminato, non precari, quindi.
Cosa causa, allora, questo turbinio di insegnanti? Credo che una parte importante ce l’abbia la normativa che consente e/o obbliga a queste migrazioni bibliche.
Ho quasi la sensazione che prima vengano le esigenze degli insegnanti (come persone) e della scuola (come istituzione) e, solo dopo aver soddisfatto queste esigenze, sia possibile pensare a quelle degli studenti.

E, poi, ci si domanda come mai la nostra scuola è così mal ridotta …..

Be the first to like.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.