Moodle Moot Italia 2008, la sessione d’apertura

13 Mag di Gianni Marconato

Moodle Moot Italia 2008, la sessione d’apertura

Aula magna strapiena all’apertura del Moodle Moot 2008 targato Paula de Waal e Padova. Fortunatamente che lo sciopero dei treni ha bloccato parecchi partecipanti, altrimenti non ci saremo stati nella capiente aula magna.

Apre Luciano Galliani, Professore ordinario di Pedagogia Sperimentale presso l’Università di Padova. Preside della Facoltà di Scienze della Formazione, figura “storica” nella didattica mediale.

Dopo aver parlato della SIREM e delle sfide che ci aspettano (l’università non è preparata all’esplosione delle tecnologie nella e per la didattica; si va verso un sistema educativo aperto, ma questo è estraneo alla pratica accademica, la didattica accademica è, per norma amministrativa, solo frontale e se si parla di “apprendimento incidentale” si crede si stia parlando di un … incidente di percorso), si esprime in modo molto duro sulle università telematiche, inutilmente esplose di numero, affermando che con esse si è avuto un calo della qualità della didattica universitaria (valutazione sentita esprimere anche da altri).

Quattro secondo Galliani le “posture” che i formatori che usano le tecnologie nella didattica dovrebbero assumere:

  • essere dei “ricercatori” che abbinano pratica e ricerca
  • ascoltare prima che “emettere”
  • allestire ed usare ambienti integrati
  • essere “analisti”delle proprie attività per avere uno sguardo critico ed innovativo.

E conclude con una battuta di rara efficacia, tanto per ricordarci quanto sia complessa l’interazione didattica con le tecnologie: “non basta un click per aprire una relazione”.

Paula de Waal, animatrice da sempre della comunità italiana di Moodle e promotrice del MoodleMoot 08, descrive la tipicità dell’evento di quest’anno: una occasione per stare assieme, per raccontarci le nostre pratiche e per migliorarle attraverso il lavoro nella comunità. Un evento non organizzato secondo le abituali pratiche “scientifiche” (immagino si riferisse alla valutazione preventiva dei contributi per certificarne, secondo criteri accademici, il “valore”), ma secondo il criterio del miglioramento continuo delle pratiche ottenuto attraverso il confronto. E’ convinzione di Paula, che condivido in toto, che si possa migliorare solo confrontandosi su pratiche anche imperfette tra persone che fanno lo stesso lavoro. In questo senso ritiene superato, perché fallito, il concetto di (presunte) best practice da “trasferire” e dalle quali imparare.

Andrea Bicciolo, noto come il signor Moodle (pare che nella recente mappatura del suo DNA sia stato identificato un cromosoma arancio 🙂 ) annuncia il rilascio ad inizio 2009 della 2.0 organizzata con una nuova architettura e con nuove funzionalità (vedi sito Moodle). Un dato, nelle installazioni Moodle registrate si sono raggiunti i 20 milioni di utenti!!!! Un bel numero. Complimenti. E con la battuta che le democrazie costano più delle dittature, rende noto che una riga di codice sviluppata con approccio open source costa di più di una sviluppata in modo proprietario.

Paul Little della Open University, presentando il loro programma di diffusione open dei materiali didattici Learning Space gestito con Moodle come tutta l’attività della OU, parla di come nel programma Lab Space si stia sviluppando una soluzione Moodle che integra strumenti di messaging, di meeting (flash meeting) audio e video registrabile, mappe mentali, concettuali ed argomentative. Un super-moodle, davvero.

Be the first to like.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.