Ancora Schank, ancora provocazioni

12 Mar di Gianni Marconato

Ancora Schank, ancora provocazioni

Qualche altra provocazione, presa da in Engines for Education (R. Schank, C. Cleary, 1995, Lawrence Erlbaum Associates Publisher).

· la scuola “uccide” la naturale propensione all’apprendimento di ogni persona;

· il successo scolastico non è saper fare qualcosa ma conformarsi alle regole ed agli standard;

· la scuola fornisce agli studenti delle risposte senza che gli studenti abbiano mai fatto prima delle domande;

· la scuola attiva approcci all’apprendimento che sono l’esatto opposto di quelli che si sviluppano nel mondo reale;

· la scuola obbliga l’insegnante ad essere un selezionatore, un presentatore ed un valutatore di contenuti ma non gli chiede di essere un motivatore, un manager ed un leader; come può fare tutto questo senza “andare fuori di testa”?

· gli studenti per crescere hanno bisogno di feedback, ma il solo feedback che la scuola sa dare è il voto;

· la scuola non deve arrogarsi il compito di valutare perché dovrebbe essere chi utilizzerà quelle conoscenze a valutare;

Molto utile, per chi vuole stare in contatto con lo Schank-pensiero, andare nel portale di Engines for education.

Be the first to like.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.