Qualche altra provocazione, presa da in Engines for Education (R. Schank, C. Cleary, 1995, Lawrence Erlbaum Associates Publisher).

· la scuola “uccide” la naturale propensione all’apprendimento di ogni persona;

· il successo scolastico non è saper fare qualcosa ma conformarsi alle regole ed agli standard;

· la scuola fornisce agli studenti delle risposte senza che gli studenti abbiano mai fatto prima delle domande;

· la scuola attiva approcci all’apprendimento che sono l’esatto opposto di quelli che si sviluppano nel mondo reale;

· la scuola obbliga l’insegnante ad essere un selezionatore, un presentatore ed un valutatore di contenuti ma non gli chiede di essere un motivatore, un manager ed un leader; come può fare tutto questo senza “andare fuori di testa”?

· gli studenti per crescere hanno bisogno di feedback, ma il solo feedback che la scuola sa dare è il voto;

· la scuola non deve arrogarsi il compito di valutare perché dovrebbe essere chi utilizzerà quelle conoscenze a valutare;

Molto utile, per chi vuole stare in contatto con lo Schank-pensiero, andare nel portale di Engines for education.

Be the first to like.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.