Povertà di innovazione pedagogica

5 Mar di Gianni Marconato

Povertà di innovazione pedagogica

La prima cosa che mi sono letto dell’ultimo numero di Educational Technology (48,1) è l’intervista con Thomas C. Reeves, dell’University of Georgia ad Athens. Avevo conosciuto e notevolmente apprezzato i lavori da lui svolti in Australia su ambienti di apprendimento basati su Authentic Tasks, un modello di web-based learning per cui le peculiarità del web potessero trovare ampia espressione.

Per il lavoro sugli Authentic Task rimando alle note di calce a questo post.

Dell’intervista voglio qui evidenziare quelli che, per me, per il mio livello di comprensione della questione e di sensatezza per me del tutto, sono i punti più significativi del suo pensiero. Andiamo in forma schematica.

  • Girando il mondo ha potuto notare che le persone, usando a scopi didattici, le tecnologie, non stanno altro che replicando cose che fanno nelle loro attività tradizionali
  • Ciò è dovuto, in parte, agli strumenti che vengono usati: usare un LMS porta a disegnare un corso on-line che replica lezioni, discussioni, quiz ed altro che si trova in un’aula tradizionale. L’uso di un LMS limita il pensiero dei progettisti e degli sviluppatori degli ambienti di apprendimento alla riproposizione di attività accademiche tradizionali.
  • Tutto questo impedisce lo sviluppo e l’adozione di pedagogie alternative basate su apprendimento collaborativo, compiti autentici, valutazione autentica e valutazione della performance
  • Questa “povertà di innovazione pedagogica” deriva dal fatto che la maggior parte dei docenti sono esperti di contenuti e, così, quando pensano a come usare le tecnologie, hanno una prospettiva molto limitata; non avendo mai fatto esperienza con pedagogie alternative, non possono neppure immaginare cosa queste potrebbero dare
  • Ciò che si fa a scuola è fondamentalmente diverso da ciò che si fa nella vita reale. A scuola tutto è spezzato in materie, semestri, moduli, crediti, laboratori ma nella vita tutto si sviluppa in modo più fluido, continuativo, interrelato
  • In una scuola organizzata come l’attuale (ndr: non è solo in Italia che questo avviene …) gli studenti imparano solo per superare l’esame e poi dimenticano tutto o, tutt’al più, generano inert knowledge (termine la cui creazione attribuisce a John Brandsford)
  • Molta ricerca accademica ricerca sul nulla, sul vuoto (letteralmente, ricerche che si propongono di rispondere alle domande sbagliate) ed invita a valutare la ricerca sulla base del suo impatto

La sua conclusione è di ottimismo per quanto riguarda l’impatto delle tecnologie nel migliorare l’apprendimento purchè, con l’occasione, si adottino non solo strumentazione alternativa ma anche pedagogie alternative.

Ne discutiamo su Orientamenti e Disorientamenti?

_____________

A proposito del lavoro del docente on-line, Reeves riprende la definizione de The Twenty-Four Hours Professor citando una ricerca di Sally Johnstone secondo la quale se si considerasse la quantità effettiva di lavoro svolto dal “professore 24-ore” il suo guadagno sarebbe maggiore se lavorasse alla McDonald’s …..

___________

Risorse su Authentic Task

Portale australiano degli Authentic Task

Le dieci caratteristiche degli Authentic Task

Authentic Assessment Toolbook

Paper sugli Authentic Task

 

Be the first to like.

Print Friendly, PDF & Email

Un commento “Povertà di innovazione pedagogica

  1. Riflessioni condivisibili, e credo ancora più significative quando si esce dall’educazione scolastica e ci si occupa di formazione degli adulti e formazione aziendale: questi meccanismi diventano ancora più pericolosi e controproducenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.