In un post recente ho messo in evidenza come il miglioramento della didattica avvenga principalmente attraverso la riflessione sulle proprie pratiche didattiche per migliorare ciò che si fa già. Ho, anche, affermato che l’ “impianto” di nuove tecniche, completamente avulse da quello che è l’abituale modo di essere e di fare dell’insegnante è destinato al fallimento.

Le pratiche riflessive dovrebbero avvenire spontaneamente e regolarmente, dovrebbero far parte del nostro modus operandi quotidiano: riflettere mentre agiamo e riflettere sull’agito (quelli che sanno direbbero reflection-in-action e reflection-on action).

Però anche tecniche strutturate di riflessione potrebbero far sentire i loro benefici.

In numerose realtà si usano il “diario riflessivo”, il “diario di apprendimento” o la tenuta di un portfolio. In ambito anglosassone è diffusa la tecnica del journaling (tenuta del learning journal).

Ogni tanto, nei miei corsi, propongo di riflettere in modo sistematico sulle proprie pratiche didattiche, di tenere traccia di queste riflessioni e di ritornarci su periodicamente….

Condivido qui un semplice strumento che metto a disposizione dei partecipanti ai miei corsi.

Utilizzate periodicamente e più volte alcune di queste domande per riesaminare, riflettere e migliorare la vostra azione didattica.

Riportate le risposte nel vostro diario riflessivo e di apprendimento e rileggete le risposte che a queste avete dato a distanza di tempo.

La riflessione e il riesame della stessa sono pratiche di grande utilità per l’auto-miglioramento dell’insegnamento.

Di tanto in quanto fate il riesame con altre colleghe; dal confronto nasceranno tante idee su come diventare sempre più abili.

Cosa è successo di inatteso nell’attività didattica ……? Perché?

Qual è la cosa più importante che ho appreso su come gli studenti imparano?

Qual è la cosa più importante che ho appreso sul mio modo in insegnare?

Quale è la cosa più importante che ho appreso sui miei studenti?

Come posso usare ciò che ho appreso per migliorare ciò che i miei studenti apprendono durante le mie lezioni?

Cosa posso fare per migliorare la qualità del mio insegnamento?

Cosa dovrei fare invece di fare ciò che faccio adesso?

Quali cambiamenti potrei introdurre?

Quali opportunità di sviluppo professionale dovrei cercare?

2 people like this post.
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.