Se nella vita di tutti i giorni apprendiamo realmente, cioè acquisiamo conoscenze ed abilità che davvero ci aiutano a risolvere problemi, perché, costringiamo spesso il nostro apprendimento nell’angusto spazio di un “corso” che ci obbliga a:

seguire tutto un programma ?

farlo tutto di seguito ?

quando il corso è disponibile ?

memorizzando informazioni ?

subendo il modello didattico con cui si trova a suo agio il docente ?

Non è che se dessimo più spazio alle forma “naturali” di apprendimento, forse migliorerebbe la qualità del nostro sistema scolastico?

Una semplice idea da sviluppare.

Be the first to like.

Print Friendly, PDF & Email
2 pensiero su “Reclusi in un’aula 3”
  1. è la differenza che passa fra arrampicata in palestra e quella su parete all’aperto. Chiedete a chi fa arrampicata e scoprirete che i maggiori rocciatori, quelli che hanno prodotto qualche risultato, non hanno mai conosciuto l’allenamento in palestra. Mauro Corona, Erri De Luca, tanto per citare qualche autore-scalatore del nostro paese.
    Non sarà davvero arrivato il momento di ripensare le “palestre” della conoscenza?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.